Magazine Novembre 2017



Leggere tra le righe (di tessuto) della libreria Brac.

A pochi passi da piazza della Signoria e dalla Galleria degli Uffizi di Firenze c’è la libreria BRAC. Nascosta tra i tanti cortili del centro storico si svela come un luogo segreto e incantevole, dove si può leggere, mangiare, bere o semplicemente passare il tempo in un ambiente accogliente e ospitale.
Offre una reinterpretazione dell’idea del classico café littéraire e comprende una libreria di arte contemporanea, un caffè e una cucina.
Il cuore dell’intervento è la corte che collega visivamente le due sale principali: uno spazio sorprendente, caratterizzato da verticalità, colore, flessibilità. Concepito con l’obbiettivo di limitare la trasmissione del rumore alle residenze circostanti. Oltre 5.000 strisce di tessuto, di nove diversi colori scendono dall’alto e coinvolgono il visitatore in uno spazio emozionale.



Questo progetto curato dallo studio Deferrari+Modesti ci è molto caro. Con vero piacere abbiamo ritrovato nel loro progetto di restyling del locale, avvenuto nel 2016, le sedute Aloe, uno dei nostri pezzi storici; ci hanno riferito che le trovavano perfettamente attinenti al nuovo spazio e, per noi, vedere che un pezzo si riconferma ci gratifica in termini di qualità, di funzionalità, di durevolezza, di design intramontabile.
Ci piace essere presenti in un caffè letterario, perché leggere è una passione, un fuoco e come tale deve essere continuamente alimentato, anche creando luoghi nuovi per farlo.
In Friuli, la nostra terra di appartenenza, si sono sviluppati tanti progetti per favorire e sostenere la lettura, come la ormai storica “Pordenonelegge”, come “Nati per leggere” e come anche la più recente iniziativa “Un libro lungo un giorno”, avvenuta proprio pochi giorni fa, lo scorso 27 Ottobre in tutto il Friuli Venezia Giulia. Una maratona di lettura che inizia il mattino in tutte le scuole del nostro territorio, che prosegue con centinaia d’iniziative fino alla mezzanotte in tutta la regione. Ragazzi, insegnanti, bibliotecari, librai, scrittori, papà, mamme, nonni, si passano il testimone in questa giornata di letture e racconti ad alta voce, che comincia a scuola e si conclude a casa.
In questi contesti ci piace pensare di essere il valido supporto, perché le sedie servono per godersi tanti tipi di nutrimento, quello che viene dal cibo, quello che viene dalla convivialità e quello che viene da un cervello ben coltivato.



 



PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) FESR 2014-2020