Magazine

Magazine Maggio 2018

Tutti pronti per Palermo?

È la capitale della cultura 2018 e, proprio nel seminterrato del palazzo Liberty dove nacque Natalia Ginzburg, noi di Billiani ritroviamo qualcosa di familiare, un “lessico familiare” fatto di sedie, sgabelli e poltroncine (le W. e le Croissant) che fan parte della nostra quotidianità.

In Via Libertà, un boulevard quasi francese costellato di platani, il ristorante Cento61 ha preso nuova vita grazie all’intraprendenza dei due giovani ma espertissimi titolari e grazie alla creatività dello studio DiDea. E’ un vero e proprio salotto con giardino privato, il posto perfetto per sedersi comodamente a trascorrere un tempo di qualità con amici e famiglia, in compagnia di buona musica e di ottimo cibo. Favolosi anche i drink preparati da un barman d’eccezione!
Lo Studio DiDea (degli architetti Nicola Giuseppe Andò, Emanuela Di Gaetano, Giuseppe De Lisi e Alfonso Riccio) ha raccolto la sfida progettuale di “trasformare il seminterrato, a un metro e mezzo sotto il livello della strada, in un spazio arioso, valorizzando il giardino e scegliendo finiture e materiali che ne amplificassero la luminosità interna”.

Dal giardino si accede agli interni. Uno dei letimotiv del progetto è l’utilizzo del metallo verniciato bianco, declinato come rete a maglia stretta o come intelaiatura, conferendo echi industriali e luminosità ai diversi ambienti; alternati al metallo sono stati usati pannelli in rovere e lastre in marmo di Calacatta. Quello che ci entusiasma è stato l’uso del colore nelle nostre sedute, uno dei tratti distintivi di Billiani, che concorre a rendere vivido e vibrante l’intero locale; il giallo e l’azzurro alternati al blu cobalto delle poltroncine.

L’ambiente porta un forte segno di spessore progettuale: è un locale di design a Palermo, che rivisita con estrema contemporaneità elementi profondi dell’identità cittadina, rilanciandola decisamente verso il futuro. Ci piace sapere che in uno dei locali più curati della Capitale della Cultura 2018 le nostre sedie siano pronte ad aspettarvi.

Write a comment